Corto Potere
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Più che un testo, una raccolta di testi che spaziano tra i generi e i registi per offrire un prodotto sempre adattabile e modificabile. “Corto Potere” nasce dall’esigenza di spostare la rappresentazione teatrale dall’edificio che la caratterizza, senza per questo snaturarla o senza dover necessariamente cambiare il suo registro. Lo spettacolo che nasce da questa esigenza è uno spettacolo di corti teatrali, in numero sempre variabile e dalla durata non costante, che nel corso del tempo si sono arricchiti non solo di testi nuovi, ma anche di diversi punti di vista, grazie all’alternanza di attori e, soprattutto, di registi. “Corto Potere” è uno spettacolo che alterna con semplicità generi e ambientazioni differenti e che si fa veicolo di un teatro che vuole compiere dei passi verso il pubblico, sempre meno preparato al teatro classico, portando il teatro il luoghi e situazioni che non gli sono propri. Sul palco, o nella piazza, o nel locale, o in qualunque luogo vogliamo far diventare teatro, si alternano personaggi contemporanei e antichi, testi teatrali moderni recitati con gli stilemi della satira e piccoli spaccati cinici della nostra società.

Uno dei testi di “Corto Potere” (”L’ultimo viaggio”) e stato anche segnalato al premio Fàrà Nume (2006)